CONTRACCEZIONE, FAI UNA SCELTA SMART E LIBERATI DALLE PREOCCUPAZIONI!

E’ possibile vivere la sessualità in modo libero e consapevole? Sì, grazie alla contraccezione! Si tratta dell’insieme di tutti i metodi o dispositivi utilizzati per prevenire una gravidanza e non incorrere in una malattia sessualmente trasmissibile. Ma come va scelto il metodo contraccettivo?

I principali requisiti da considerare sono:
• efficacia contraccettiva: è l’obiettivo principale soprattutto per le donne più giovani
• buona tollerabilità: non deve provocare effetti secondari indesiderati
• reversibilità: il metodo ideale deve consentire un completo ed immediato ripristino della fertilità dopo la sospensione
• praticità ed accettabilità: il metodo deve adattarsi alle caratteristiche della persona o della coppia
• compatibilità con lo stile di vita e le abitudini sessuali (tue e del tuo partner)

Ricordati che esistono metodi reversibili di elevata efficacia che non richiedono un’assunzione regolare. Un’italiana su due vorrebbe utilizzare un contraccettivo fit and forget (metti e dimentica) che sia più comodo rispetto a pillola, anello o cerotto. Jaydess è il sistema intrauterino smart più piccolo al mondo e possiede queste caratteristiche. Utilizza una dose di ormoni più bassa rispetto ai precedenti dispositivi. Agisce solo a livello locale e per questo non ha un impatto sull’aumento di peso che è uno degli effetti collaterali più temuti. Come per tutti i sistemi intrauterini, deve essere posizionato nell’utero da un ginecologo. Viene normalmente collocato entro sette giorni dalla comparsa delle mestruazioni. L’introduzione dura in media due minuti e può essere svolta tranquillamente anche a livello ambulatoriale. Presenta poche restrizioni all’uso e può essere tranquillamente utilizzato da tutte le donne in età fertile. Anche quelle con meno di 30 anni o che non hanno mai affrontato una gravidanza. Offre la massima efficacia contraccettiva, sfiorando il 100% una volta interrotto rimosso il ritorno a livelli abituali di fertilità è immediato.

Clicca qui per saperne di più!!!

In tema di contraccezione e prevenzione però la confusione … regna sovrana tra i giovani residenti nel nostro Paese. Secondo un recente rapporto del Censis (condotto su 1.000 giovani dai 12 ai 24 anni) il 70% degli utilizza il condom per evitare gravidanze e/o malattie sessualmente trasmissibili. Il 17,6% dichiara invece di ricorrere alla pillola anticoncezionale collocandola però erroneamente tra gli strumenti di prevenzione. Il 43% dei ragazzi/e tra i 12 e i 24 anni ha già avuto rapporti sessuali completi. La quota sale al 79% tra i 22-24enni. Il 93% afferma di stare sempre attento per evitare gravidanze, ma una quota minore (il 74%) si protegge sempre per evitare infezioni e malattie a trasmissione sessuale. Infine il coito interrotto (estrarre il pene dalla vagina prima dell’eiaculazione) viene scelto come metodo “contraccettivo” dal 17% dei ragazzi e come sistema di prevenzione dal 13%. Si tratta in realtà di una pratica estremamente pericolosa che ha un’altissima percentuale di fallimento.

Clicca qui e scopri tutti i metodi a tua disposizione!!!